VAV #2 Dimensione

Gli autori

Tellas

Tellas

108

Disegni / 2013

:

Solitamente, prima di dipingere una parete, ricevo delle foto per capire lo spazio, la dimensione, la zona in cui è collocato, e se ci sono degli elementi con cui interagire e che in qualche modo andranno a decidere il lavoro da fare sopra.

:

Prima di tutto vorrei partire da Richard Long e da quel tipo di Land Art: a parte alcuni artisti che nella seconda metà degli anni '90 in Europa rivoluzionarono quello che chiamiamo (post)graffitismo, la mia idea di fare arte negli spazi pubblici fu pesantemente influenzata da Richard Long.

>>

108

Tellas

Lugano / 2013

Biennale del muro dipinto, Dozza / 2013

Tellas

Tellas

Tellas

108

Tellas

108

108

108

108

Dio, 2010

Viavai Festival, Racale / 2014

Portulaca Oleracea, Sardegna / 2014

:

:

:

:

In effetti mi colpì molto questo modo molto leggero di segnare il territorio, che però nascondeva qualcosa di molto, molto, più profondo. Diciamo che il primo pensiero fu quello di portare un’idea del genere in ambito urbano […]

:

Io amo moltissimo fare escursioni in montagna, o comunque in ambienti naturali, e una delle mie fissazioni sono le incisioni rupestri, l'arte megalitica. In particolar modo amo le incisioni ‘astratte’ come quelle a coppella, a canaletti o con forme geometriche quali cerchi e quadrati.[…] Diciamo che tutto il mio lavoro parte da questo, cerco proprio di ridare una qualche dimensione magica alla vita di tutti i giorni e penso che questo dovrebbe essere il ruolo dell'artista. Sono in netta contrapposizione a certa arte contemporanea.

:

Penso infatti che il mio lavoro e quello di Tellas, anche se proveniamo da posti così diversi, abbiano molto in comune, non solo esteticamente. Per me il luogo da cui provengo è stato molto importante, nel bene e nel male, con tutti i suoi contrasti e collegamenti tra passato e presente.

:

I miei lavori degli ultimi 10 anni sono stati sempre completamente astratti (a parte qualche esperimento) e quindi non ho mai copiato direttamente la realtà; […] nelle mie forme sono presenti sensazioni sia derivanti direttamente dall'ambiente naturale del Piemonte (montagne, terra, acqua, nebbia…) sia industriali, specialmente post-industriali. Questo lo si può vedere non solo dall'estetica, ma dai luoghi che io scelgo per dipingere quando lo faccio all'aperto, o dalle foto, dai video o dalle composizioni sonore. La neve per esempio è un elemento fondamentale,[…]

108

Dentro l'autunno / 2012

Tellas

108

:

:

[…] quello che io faccio non ha nulla di direttamente figurativo. Cerco un modo di comunicare che non richieda delle figure conosciute, ma si esprima con forme nuove che arrivano dall'inconscio, come succede per la musica. Il fatto di vivere e lavorare ancora nella città in cui sono nato è da imputare a diversi fattori, non ad una scelta vera e propria, tuttavia negli ultimi anni mi sono accorto che il rapporto tra me e gli spiriti di questo luogo è molto forte e credo che sia centrale in molti dei miei lavori.

Gli autori